Saremo noi, o loro?

Premetto: il tempo scarseggia, quest’anno sto un po’ di più sui libri (la mia media è aumentata di molto, speriamo bene… Naturalmente escludendo latino che sta sempre li sul 5/6); ed avevo intenzione di fare un post interessante ma è impegnativo perchè dovrei fare delle foto perciò, appena potrò lo farò.

Tornano a noi, c’è un problema che colpisce tutti a questo mondo, tutti, diciamo che però ci colpisce in terza persona, e soprattutto tutti ne parlano e come al solito nessuno fa niente. Il gravissimo problema in questione, è l’inquinamento globale (per cui intendo, la somma di tutti i tipi di inquinamento che l’uomo negli ultimi tempi ha potuto inventarsi). E tutti i politici del mondo, perchè sono gli unici in grado di poter far qualcosa (più o meno), pensano a discutere della Rai, della scuola (nel senso che fanno cose che vann di male in peggio, meglio che quindi non si muovano), e tutt’altro…

L’inquinamento globale, ci colpisce dappertutto. E noi lo provochiamo con tutto.

• Sulla frutta e verdura vengono usati tanti di quegli insetticidi e antiparassiti -di cui ormai non conosco più la differenza- che fanno bella la frutta e verdura fuori, ma la distruggono dentro.

• Le api muoiono. Se le api muoiono, niente impollinazione e automaticamente niente frutta e verdura. Dai! Andiamo avanti a formaggi (che poi pure quelli… E poi non è che io mangi poi così bene, ma dico in generale)!

• I ghiacciai si sciolgono. Tengo a precisare che non è la classica frase copiata da repubblica.it, che si sarà sentita tantissime volte, ma è davvero una cosa importante. Il livello dei mari aumenta.

• La temperatura si alza, e le stagioni diventano sempre più strane.

• L’inquinamento dei mari è una cosa spaventosa. Petrolio e rifiuti che vengono scaricati abusivamente (il petrolio no, per sbaglio: figurati!). I pesci ne rimangono vittime. Ma non solo loro: noi portiamo il pesce a tavola.

• Abbiamo milioni di macchine, e mezzi che usano benzina, TANTA BENZINA. C’è il metano, che come hanno scelto i miei costa meno ed inquina meno. COSA DIAMINE COSTA RENDERE OBBLIGATORIO IL SERBATOIO A METANO? MAGARI CON AIUTI DALLO STATO, USANDO MAGARI I TAGLI FATTI ALL’UNIVERSITà 😛

Insomma ci sono tantissimi problemi. Perchè nessuno fa niente? Io mi sono messo in testa di trovare un qualcosa per risolvere un qualsiasi problema… Uno qualsiasi. Già avevo trovato quel tubo anti-inquinamento che avevo descritto in un mio post precedente, ma è un piccolo passo. Perchè nessuno si preoccupa? Quando il mondo sarà invaso da acqua e i soldi dei politici si bagneranno e non si potranno più usare perchè ‘non validi’ allora qualcuna aprirà bocca?

Chi ne subirà le conseguenze prima, noi, o loro, i nostri successori?

dscn7205Io con i miei amici scout a ripulire una discarica abusiva (sono dietro a quello col cappellino giallo della legambiente che ci ha aiutati). ***1# qui puntata di Malpelo (La7) dedicato alle api. Molto interessante***
Annunci

7 Risposte to “Saremo noi, o loro?”

  1. Lorenzo Says:

    Purtroppo, l’inquinamento ambientale è una situazione estremamente pericolosa ed urgente. Noi stiamo qui a discutere di Berlusconi, la Gelmini e “L’isola dei famosi”, quando non sappiamo che forse tra 20 potremmo non esserci più.

    Il problema delle api è più serio di quel che si pensa. Già negli Stati Uniti e in Europa si sono dimezzate; esse sono una parte di molto rilievo nella catena alimentare. Se si estinguono le api, non è solo mancanza di frutta e verdura il problema, ma anche una serie di conseguenze a catena. Addirittura, Albert Einstein diceva che se le api si fossero estinte, all’umanità sarebbero rimasti circa quattro anni vita.
    La strage di quest’insetti, inoltre, è provocata in gran parte proprio dagli insetticidi ed antiparassitari che citi.

    Le auto sono una delle cause maggiore per quanto riguarda l’inquinamento. E sembra che le cose non andranno certo a migliorare. Immaginati un miliardo e trecento milioni di cinesi con un’auto ciascuno. Siamo finiti!
    Il metano viene già usato in molti settori; se non sbaglio – ad esempio – la scorsa legislatura di Veltroni aveva stabilito che si sarebbero dovuti rimpiazzare i normali autobus a benzina con quelli a metano. Anche se ho sentito che vi siano alcune controindicazioni riguardo questo gas.
    Il motivo per cui ancora non si è diffuso è semplice: immaginati una grande azienda produttrice di petrolio e che la esporta in tutto il mondo, se tutte le auto in Europa dovessero smettere di utilizzare la benzina. Sarebbe un disastro economico! E si sa che il potere è strettamente legato alle multinazionali.

    Ad ogni modo, sono proprio queste fabbriche e centrali il vero problema. Se non ricordo male, tutti i cittadini del mondo – presi singolarmente – inquinano solo l’1% di tutte le emissioni.

    P.S. Qualche giorno fa – in occasione della morte dello scrittore Michael Crichton -, ho sentito che proprio quest’ultimo avesse subdolato l’idea che questa paura dell’effetto serra e l’inquinamento fosse solo un modo per fregare la popolazione mondiale. Anch’io avevo pensato a qualcosa del genere. Ne dubito: ma se fosse vero?

  2. LuCa Says:

    Caio Fabio, finalmente sei tornato! Bravo, continua a studiare..io invece sto con le palle al vento XD e infatti devo recuperare un sacco di materie, non perchè non le capsica, ma proprio perchè non ho voglia di studiarle…XD
    a parte questo, quello che mi da fastidio è che i problemi vengono addossati a noi. ci fanno fare le domeiche ecologiche e le targhe alterne, ma poi rilasciano centinaia di permessi per andare allo STADIO! Insomma, l’ipocrisia più totale.
    Ill problema grosso sono le fabbriche, sia quelle che lavorano inquinando molto, sia quelle che lavorano il petrolio e lo esportano. C’è un giro troppo grosso di soldi dietro, ecco perchè nessuno fa nulla!

    Ammirevole la tua volontà nel cambiare, a volte ho anche io degli sprazzi di ambientalismo e sono più ecologico, ma in linea di massima sto migliorando: luci spente se non servono, acqua chiusa mentre ci si lava i denti, raccolta differenziata più differenziata possibile, etc..

    un saluto, continua così che vai alla grande!

    il tuo amico blogger,

    LuCa

  3. Marcouk76 Says:

    Ciao Pandors!

    Quello che fai con gli scouts e` sicuramente lodevole. Io sono dell’opinione che ognuno debba fare cio` che puo`, nel suo piccolo.

    Come dice anche LuCa, spegnere le luci che non servono (tra l’altro proprio oggi ho visto un filmato divertente sul blog di Alessio di un gruppo di ragazzi francesi che di sera va in giro per il paese per spegnere le insegne luminose dei negozi!), cercare di non sprecare l’acqua, la raccolta differenziata, etc.

    La macchina a metano, benissimo, i miei ce l’hanno. Io qui ho solo lo scooter e in ogni caso a Londra c’e` un solo distributore di metano a circa 40km da me quindi non certo fattibile.

    A presto!

  4. spuntocattolico Says:

    Visto che i “grandi” sembrano fregarsene di tutto, ognuno (come giustamente fai tu) deve rimboccarsi le maniche e fare quel che può…
    Personalmente penso che se le persone che potrebbero smuovere le acque a favore dell’umanità siano accecate dal potere (tanto da non considerare una minaccia l’inquinamento circostante) penso che il futuro sia duro e con poche speranze

  5. Pandoro Says:

    Lorenzo: Se si impone una legge di usare solo il metano, quelli del petrolio potrebbero cercare di impuntarsi sul metano, naturalmente senza approfittarsene. Con tutti i soldi che hanno non penso sia un problema!

    LuCa: le giornate a targhe alterne e le domeniche ecologiche SONO UN’EMERITA CAZZATA. E poi ricorda che loro con le auto blu vanon lo stesso, anzi 😀

    Marco: Infatti i miei per prendere il metano devono arrivare molto lontano, ma ne approfittano che c’è li un supermercato così fanno anche la spesa. Però non capisco perchè così lontano debbano arrivare. Che gli costa farne altri?

    Spunto: Se non lo fanno loro però noi non possiamo fare niente. Ci vuole qualcuno di noi che salga sulla poltrona e si metta gli occhiali!!

  6. Artemisia Says:

    Bravo Pandoro! Bravo per lo studio e per l’amore per l’ambiente.

  7. Marcouk76 Says:

    Non so bene come funziona la cosa del metano, perche` in alcuni luoghi non ci sia, mentre in altri sia ovunque. A Bologna per esempio ci saranno almeno 10 distributori…

    E’ ancora piu` lodevole che i tuoi abbiano deciso di convertire la macchina a metano (non costa poco!) nonostante il distributore non sia comodo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: