Politica

Passo subito al sodo: qui riportata, la lista delle 10 cose che vorrei in Italia.

  1. Distributori di preservativi GRATIS in ogni scuola liceale d’Italia.
    Prevenire una malattia, è molto importante.
  2. Lezioni di educazione sessuale nelle scuole medie e liceali, fatte in modo serio, e costante. Quelle che vengono fatte ai giorni d’oggi durano poco, non sono istruttive, e ne vengono fatte una, due.
  3. Pulizia. L’Italia è un paese sporco, ormai ci siamo abituati e non ci facciamo più caso. Ma se andiamo all’estero, vi porto una mia esperienza, per esempio a Bruxelles (Bruxelles come Amsterdam, Mosca, S.Pietroburgo, Madrid, Londra, Barcellona…), la situazione è controllata. Pulizia e ordine. Non trovi una cartaccia, un foglio di giornale, una lattina, una siringa o un preservativo usato per strada o nei boschi.
  4. Connessione Internet gratis, nei parchi, una nuova moda che è stata introdotta in una striscia del Tamigi a Londra, dove si può usare la connessione a internet: fregature? No, devi solo vedere uno spot ogni tot. minuti.
  5. Una legge semplice sull’aborto e sulla pillola del giorno dopo: Aborto? Bene, qualsiasi cosa sia successa per aver portato questa gravidanza, non importa. Non è uccisione: il feto non prova emozioni, non ha la minima idea di vita, non ha la capacità di agire e pensare, per lui la vita è ancora da scoprire; bene, non saprà mai della sua morte: è davvero come uccidere un’uomo? Detto fra di noi: vuoi abortire? Fallo. Senza vincoli. Pillola del giorno dopo, come in Francia vendibile in farmacia, perchè se a due ragazzi giovani si rompe il preservativo, non c’è bisogno di fare tutte queste cose: pillola, et voilà.
  6. Che per nessun motivo si reintrometta la leva obbligatoria. Che nessuno mi obblighi a fare qualche servizio senza la mia volontà. Anche se servizio sociale, se non volessi farlo, perchè obbligarmi?
  7. Persone serie nel ruolo dei ministri. Esempio: Fioroni, Moratti [etc…] in classe ci sono stati tanti anni fa. Non sanno che la situazione è cambiata: la scuola non è più quella di prima (e se siete genitori e avete figli, ve ne sarete accorti).
  8. Meno spreco di soldi: perchè usare mucchi di soldi per iniziare opere pubbliche senza finirle? C’è gente che muore perchè non ha un piatto di pasta e te li butti via così?
  9. Finanziamenti per l’acquisto di pannelli solari (che in minima parte ci sono già ma la gente non lo sa), e di attrezzature per il risparmio energetico.
  10. Ordine: persone che commettono reati all’aria aperta, semafori corrotti (pensate!) e multe  a più non posso, droga dappertutto e prostituzione non controllata.
Annunci

22 Risposte to “Politica”

  1. Artemisia Says:

    Ti ho dato una bella idea, no? A me piacciono i punti: 1,2,3,4,8 e 9.
    Sul 5 non ho capito cosa intendi per “semplice”. Con meno limiti?
    Il 6 va bene ma credo che nessuno pensi di reintrodurre la leva.
    Il 7 sarebbe ottimo ma non ho capito che obiezione fai a Fioroni e alla Moratti. Penso che i due ministri non è che non siano stati seri è che hanno avuto idee diverse sulla scuola. Si tratta di vedere se per te queste idee e i loro provvedimenti sono stati positivi o no.
    Il 10 non l’ho proprio capito. Che sono i semafori corrotti?

  2. Pandoro Says:

    5= con meno limiti, si.
    6= speriamo.
    7= tu da genitore pensi così, ma noi ragazzi liceali la pensiamo in maniera diversa, fidati (poi non so tuo figlio…).
    10= semafori corrotti, ossia per fare più multe, vengono accorciati i tempi degli stop. Ma dato che su questo argomento non sò dirti tanto scrivendotelo qui, guardati questi video (se ti interessa l’argomento) che trovi qui e qui.

  3. Artemisia Says:

    Punto 7: forse ho capito quello che vuoi dire. Ti riferisci in particolare alla reintroduzione degli esami di riparazione? Anche mio figlio e’ contrario. Non lo so se l’esame a settembre sia una buona idea o no. Pero’ sinceramente il sistema dei debiti che si potevano benissimo non colmare era un sistema ingiusto e inefficace. Ingiusto perche’ in tal modo non si faceva differenza tra chi aveva fatto il suo dovere studiando tutte le materie e chi invece aveva fatto il furbo tralasciandone una o due perche’ tanto debito o non debito sarebbe passato uguale. Inefficace perche’ alla fine la preparazione degli studenti era sempre piu’ carente. Non ti pare?

    Punto 10: adesso ho capito. Semafori TRUCCATI non CORROTTI!
    Se devo essere sincera i problemi degli automobilisti non mi commuovono. Mi stanno molto piu’ a cuore i diritti e la tutela della mobilita’ che non inquina (pedoni, ciclisti, trasporto pubblico efficiente, ecc.).

    Te lo dico solo perche’ dimostrato di apprezzare: anche “so” non vuole l’accento!
    (http://www.scudit.net/mdaccento4.htm)

    Ciao,

  4. alicesu Says:

    a me piacciono tutti.
    Ti voterei.

  5. alicesu Says:

    ah, la scuola non serve a niente, quindi la questione “chi ha fatto il suo dovere, chi non l’ha fatto” è totalmente fuori strada.
    Prima cambiamo i professori e il metodo fascista di “insegnare” le “non-materie”, poi parliamo di esami e via discorrendo…!

  6. marina Says:

    Io sono per gli esami a settembre. ‘Sta storia di crediti e debiti è una buffonata. Le ignoranze restano. Invece l’esame a settembre è una buona opportunità. Non hai studiato? (non hai voluto o potuto non cambia); ti do l’opportunità di recuperare. Ti sacrifichi questa estate e a settembre ti presenti, mi dimostri che hai colmato le tue lacune e vai avanti con gli altri. Se no stop.
    ciao marina

  7. Pandoro Says:

    Artemisia: truccati hai ragione, ma possiamo anche usare il corrotti per indicare chi fa queste cose (comunque, grazie del tuo consiglio grammaticale).
    Ah, per il punto 7 mi riferisco sia agli esami, sia a quello che dice Alice, per (spero) capirne di più leggi quello riportato qui sotto.

    Alice: per eliminare le non materie sono PIENAMENTE d’accordo: sono al linguistico e faccio biologia, chimica, e fisica (più il latino, che, io trovo relativamente inutile, anche se voi persone più adulte lo considerate la base delle lingue che così è, ma se devo andare a lavorare all’estero il latino di sicuro non mi sarà di aiuto). Mi domando: ho preso il linguistico, il che dovrebbe portarmi in futuro ad avere ampie conoscenze della lingua straniera, ma allora, se l’ho scelto per fare (esempio) francese, inglese, e spagnolo, perchè tu mi fai fare chimica? Biologia? Fisica? Latino (così mi porta una lingua in più da imparare, ora stò a 4 e vi assicuro è faticoso: invece di dire yes ti viene da dire oui e mescoli vocaboli in ogni frase)?

    Vi faccio un esempio: prendiamo il caso che io devo scegliere a quale liceo andare. Classico lo escludo perchè non voglio imparare latino e greco in quanto li trovo difficili e perchè il liceo classico più vicino è fuori città (ipotizziamo). Scientifico lo escludo pure perchè sono negato al 101% nelle materie scientifiche e ho la media del 2 (sempre ipotizzando). Adoro le lingue: allora punto al linguistico, ma ecco c’è un problema. Si fa sia latino sia matematica, fisica, chimica e biologia.
    Allora penso: se non vado al linguistico, ci sono altri indirizzi, ma nessuno di questi mi piace. Il mio desiderio è di diventare interprete da anni, e amo le lingue straniere, voglio andare a vivere all’estero.

    CHE FACCIO?

    Aspettando le vostre risposte, questo esempio è per farvi capire che le scuole italiane non sono organizzate bene. Non per le strutture, ma per quello che offrono.

    Marina: continuo il discorso appena scritto; se io ho 9 in tutte e tre le materie linguistiche, 8 nelle restanti, tranne 3 in tutte le materie scientifiche sopra elencate e latino, che non riesco a recuperare nonostante mesi e mesi di studio, è davvero la cosa migliore rimandare?

  8. alicesu Says:

    non saprei cosa consigliarti… ho abolito la scuola tanti tanti anni fa…
    Però vedo che i problemi sono rimasti gli stessi.

  9. Pandoro Says:

    Vedremo cosa cambierà nelle prossime legislature…

  10. artemisia Says:

    Pandoro, ma invece di ipotizzare dicci i voti che prendi per davvero!!! Scherzo, naturalmente!

    Sugli esami a settembre mi fido di quello che dice Marina che è un ex professoressa con i fiocchi. Se vuoi averne un’idea leggi la serie dei suoi splendidi post sulla scuola:
    http://ineziessenziali.blogspot.com/search/label/scuola

    Comunque, caro Pandoro, una scuola superiore già fortemente specializzata su certe materie (lingue per il linguistico, matematica per lo scientifico, italiano per il classico) è sbagliata e pericolosa. Sbagliata perchè la scuola superiore ti deve dare un bagaglio culturale più ampio possibile. E’ inutile che tu sappia benissimo tre lingue se non sai parlare e scrivere decentemente in italiano, per esempio, o se non sai fare un ragionamento in modo scientifico.
    Pericolosa perchè non ti lascia nessuna possibilità di cambiare l’indirizzo dei tuoi studi. Mettiamo che tu a 13 anni hai deciso che farai il ragioniere poi nel corso delle superiori scopri che ti piacciono le materie letterarie (capita, sai, sono anni in cui si cambia, si matura). Se a scuola hai fatto solo ragioneria, diritto ed economia non hai nessuna possibilità di iscriverti a Lettere ed intraprendere un corso di laurea in materie letterarie. Invece avendo una base, almeno essenziale, di letteratura, storia, ecc. puoi farlo, sarai svantaggiato rispetto a chi ha fatto il classico, ma puoi comunque farlo. Non è un esempio a caso. E’ il mio esempio personale.
    Poi si può discutere se alcuni programmi sia meglio cambiarli, se il latino ha ancora un senso oppure no. Ma di sicuro non escluderei del tutto un minimo di preparazione letteraria e scientifica.
    Devo dire, caro Pandoro, che mi preoccupa un po’ l’atteggiamento finalistico che hanno i ragazzi di oggi = studio solo quello che mi serve per trovare il lavoro. Lo studio e la cultura sono prima di tutto una ricchezza, poi servono anche per la professione, ma, purtroppo, questo non è detto.

    Ti segnalo un blog di discussione sulla scuola:
    http://lisolasconosciuta.splinder.com/
    di solito vi scrivono insegnanti e genitori ma ci vorrebbe anche il parere di qualche studente come te e Lorenzo.
    Spero di non essere stata troppo lunga.

  11. Lorenzo Says:

    1) Sono d’accordo.
    2) Hai mai pensato a come reagirebbero gli studenti di fronte a una materia del genere?
    3) Il fatto che all’estero la pulizia sia maggiore è vero, anche se non del tutto. Non credo, comunque, che questo sia dovuto tanto a una migliore legislazione, ma ad una maggiore morale per il rispetto per l’ambiente, radicato nei cittadini.
    4) Sarebbe fantastico, ma le compagnie telefoniche ti sputerebbero in faccia. Prepara l’asciugamano!
    5) Per lo Stato italiano uccidere un feto non è come uccidere un uomo. Questa dell’aborto è una questione molto polemizzata perché riceve critiche dalla maggior parte delle istituzioni religiose (cristiane, naturalmente). Un feto non è un essere vivente, certo. Il problema è farlo capire ai “fondamentalisti” cristiani, che, rispettando rigorosamente il sesto comandamento, sono contrari a qualunque tipo di contraccezione. L’Italia è sempre stata afflitta dal Vaticano, da questo punto di vista. Spero che, un giorno, lo Stato possa diventare veramente laico, e non brulicante di “preti” e “vescovi” come adesso. Sinceramente, confido che un giorno trionfi l’ateismo.
    6) Ave, oh fratello! Ma chi è lo stolto che ha osato riproporre la leva obbligatoria?
    7) La scuola non è mai facile da gestire. Soprattutto perché la amministrano coloro che l’hanno lasciata tanti anni fa, come dici tu.
    8) Ti riferisci, per caso, al Ponte di Messina? Se sì, quello è dovuto principalmente al cambio di governo, da Berlusconi a Prodi. Una “porcata”, come definirebbe qualcuno.
    9) L’energia solare risolverebbe parecchi problemi, ma ci sono sempre gli stessi ostacoli dei grossi industriali, che non vedrebbero proficui profitti dai pannelli solari.
    10) “Semafori corrotti” passerà alla storia. In che senso “persone che commettono reati all’aria aperta”? Se lo fanno dentro casa, la pena è più lieve? Comunque, la droga è un grave problema diffuso tra i giovani, che lo Stato, secondo il mio parere, dovrebbe rendere completamente legale (sia consumo che spaccio) e avvertire i giovani dai seri problemi a cui andrebbero incontro.

    Per quanto riguarda la scuola: su quest’argomento ne abbiamo discusso molte volte proprio in classe, con gli stessi professori. La riforma di Fioroni non accresce certamente la cultura degli studenti: rimane tale e quale. Un altro problema della Riforma Fioroni è la mancanza di fondi per pagare i professori che svolgono i corsi di recupero per gli studenti con i debiti. I docenti svolgono ugualmente il loro lavoro extra-scolastico, ma non vengono pagati. Nel migliore dei casi, percepiscono lo stipendio molti mesi dopo. Le mie insegnanti di inglese e di matematica sono testimoni.
    Gli studenti che al primo quadrimestre hanno delle insufficienze, devono seguire i recuperi per le materie in cui deficitano, con interrogazioni e compiti in classe durante il normale orario scolastico. Tutto ciò porta via molto tempo sia ai professori, che agli altri studenti, a cui gli insegnanti non possono dedicarsi.
    Un altro intoppo, per così dire, sono i debiti che si “accumulano” con le insufficienze nel secondo quadrimestre. Gli studenti devono seguire dei corsi estivi tutta l’Estate, presieduti dai professori. Oltre che una grande scocciatura per entrambi, questo porta agli esami a settembre. Se lo studente supera gli esami, viene promosso. Altrimenti viene bocciato.

    Pandoro, la nostra scuola prevede anche materie scientifiche, come fisica, chimica e biologia, perché ti dà l’opportunità di poter accedere ad ulteriori indirizzi universitari, oltre che ai “tradizionali” linguistici. E’ vero che un “Classico ad indirizzo linguistico” tutto promette meno che la scienza, ma devi pensare anche a giovani studenti che scelgono questa scuola per altri motivi, come le comodità della distanza o della posizione. Questi discorsi mi ricordano un analogo qualunquismo, se mi permettete il termine.

  12. Pandoro Says:

    2) Si, entusiasti perchè si perde l’ora di matematica, entusiasti perchè finalmente ci si può informare riguardo a cose importanti, timidi perchè argomento difficile da esplicare davanti agli altri.
    3) Falso. Amsterdam, città dove la droga è legalizzata e si vende dappertutto, dove la prostituzione è libera (ma controllata), città dove si può fare sesso nei parchi, viene considerata città si bella, ma moderna e incivile, però, sporcizia, zero.
    4) Intendo da parte dello Stato, e se lo Stato dice: ‘nella zona del Tevere, mettiamo a disposizione 1000 computer con Internet gratis basta che vi sorbiate degli spot pubblicitari ogni tot. minuti’ uno le compagnie telefoniche non si possono opporre, ovvero lo fanno ma senza risultati in quanto (due) i cittadini romani, gli si rivolterebbero contro in quanto è una cosa buona e fatta per loro (finalmente se ci fosse sarebbe davvero una cosa buona!).
    5) Lo Stato non brulica di preti. Sono i preti che brulicano lo Stato.
    otto) Credi che ci sia solo il ponte tra le opere andate a male? Ahah.
    9) Non è vero, leggi punto 4.
    10) Battutona, quindi chi è a piede libero vuol dire che non ha le scarpe?

    a) ‘come le comodità della distanza o della posizione’
    Non è vero. Ci sono tanti licei a Roma, e si sa, 8/10 devono prendere i mezzi per arrivarci, e una fermata in più non ti fa certo perdere il compito di matematica!

  13. Giuliano Says:

    Dire che Madrid è una città pulita mi sembra un insulto a tutti gli Italiani.

  14. Pandoro Says:

    Come mai?

    Io ci sono stato due anni fa, e la situazione era molto buona.

    Possibile che in due anni la situazione è ribaltata?

  15. Pandoro Says:

    Ad Artemisia: il tuo caso lo comprendo, ed è giusto quello che dici.
    Però vedi, io che scelgo di fare il linguistico, lo faccio perchè sono attratto dalle lingue. Se tu ‘scuola’ mi offri anche materie scientifiche che non mi piacciono, o per le quali non sono portato, perchè io le devo svolgere?
    Io allo stato attuale faccio Francese e Inglese. Leggi bene: Francese faccio 4 ore di cui 1 di conversazione a settimana mentre di Inglese 3 ore di cui 1 di conversazione a settimana; mentre delle materie scientifiche faccio: 7 ore di matematica (di cui due di Fisica) e due di Biologia e due di Chimica.

    Ora, questo orario, è giusto per un liceo linguistico???

    Poi riguardo al fatto del latino penso sia davvero inutile. Discutete quanto vi pare ma non ne posso più e nessuno mi farà cambiare idea.

    Mentre per il fatto dell’atteggiamento dei giovani d’oggi ritengo che oramai non ci puoi fare nulla. Gli anni passano e cambia tutto. Lo so che a te non va giù ma…che ci puoi fare? E poi se vai da un ragazzo che ha buone qualità e gli chiedi se vuole fare il professore o l’avvocato di Bush, beh credo che un buon 85% scelga la seconda (nel senso che anche se si ha studiato tanto, si preferisce andare dove c’è piu denaro e fama).

    Per ultimo volevo dirti, senza nessun problema, che sinceramente quel blog lisolasconosciuta non mi è piaciuto. I genitori parlano troppo per i figli, e penso che non debba succedere.

    Pandoro

    (ah, in riferimento ai miei voti, faccio il possibile, ma tanto non mi mettono più di tanto. Un esempio che odio: tema sulla politica: se io scrivo che sono di sinistra e la prof è di destra, il voto scende). Ci siamo capiti?

    2(scusami per le maiuscole a casaccio).

  16. Artemisia Says:

    Allora, andiamo con ordine.
    Lorenzo mi sembra sempre più rivoluzionario. Dall’anarchico siamo passati al mangiapreti. Lo dico con simpatia visto che anch’io sono atea convinta.

    Su Internet gratis do ragione a Pandoro. Gratis non significa certo che le compagnie telefoniche ci rimettano (ci mancherebbe) significa che lo Stato fornisca il collegamento. Credo che l’accesso alla rete sia una grande opportunità per i giovani e anche per gli anziani. Inoltre poter fare delle pratiche amministrative senza spostarsi da casa oltre ad essere comodo diminuisce anche il traffico…

    Sulla scuola, ragazzi, ne sapete più di me. Devo dire che scegliere una scuola in base alla sua collocazione mi sembra una gran sciocchezza. La scelta della scuola superiore ipoteca bene o male il vostro futuro e quindi è una scelta da ponderare molto bene. Comunque, Pandoro, si cambia alla tua età. Non pensare che a 18, 20, 25 anni la penserai come ora. Ti auguro di aver azzeccato bene l’indirizzo dei tuoi studi ma non è detto. Per questo è bene avere una cultura il più ampia possibile. Poi all’Università ti specializzerai in quello che ti serve per il tuo indirizzo professionale. Ma ora è troppo presto. Fidati!

    Sull’atteggiamento utilitaristico dei giovani, non è vero che non ci si può far nulla. Dipende dai genitori e dagli insegnanti che dovrebbero, secondo me, dare ai giovani dei valori al di là del tornaconto personale, delle mire di arricchimento e di carriera.

    Sul sito della scuola hai perfettamente ragione. Vi scrivono genitori ed insegnanti che “se la suonano e se la cantano”. Per questo ti avevo invitato a dire la tua, proprio perchè anch’io, come te, penso che manchi la voce dei diretti interessati: gli studenti.

    Tema di politica: quello che citi è un esempio ipotetico o è successo davvero? Se è successo davvero, lo trovo grave. Dipende comunque su cosa hai scritto esattamente. Un conto è scrivere “Berlusconi è un delinquente” (detto tra noi non è poi così lontano dalla realtà) un conto è scrivere ” ci vorrebbero più controlli per fare pagare le tasse a a chi evade”. Non so se mi spiego.

  17. Pandoro Says:

    1. Lorenzo è rivoluzionario solo nel parlare non nel fare.

    2. Non avevo pensato al fatto di evitare il traffico, ma credo che tu abbia ragione!

    3. Scegliere la scuola in base alla collocazione è una scelta che fanno alcune persone, ma relativamente poche (non sò come sia venuta in mente una cosa del genere a Lorenzo…). | Sul fatto dell’indirizzo da scegliere… beh nessuno sa cosa farà in futuro, però può ipotizzarlo – come dico io – e quindi iniziare con lo scegliere quell’indirizzo.

    4. Nessuno dei due lo fa (qui).

    5. Si l’avevo capito, però io mi faccio condizionare dal blog, se mi piace ci scrivo, se non mi piace cerco di evitarlo. Commentare come la penso io creerebbe discussioni inutili.

    6. Chiaramente non ho scritto ‘sono di sinistra’ o ‘sono di destra’, ma ho diciamo ‘fatto capire’ che sono di sinistra, cosa che la professoressa non ha gradito. -sufficiente-
    La cosa che odio però di più, è che la professoressa (parlo delle medie, ed è successo per 3 anni!) dava sempre temi personali, e io non ho MAI (ripeto MAI) per tre anni, preso più di sufficiente in quanto quello che scrivevo a lei non piaceva. Credimi ero sollevato quando ho finito gli esami.

  18. Artemisia Says:

    3. Apposta perchè “nessuno sa cosa farà in futuro” perchè ti vuoi precludere alcune strade? Guarda che dove lavoro io (dipartimento di fisica dell’università di Firenze) la maggior parte dei professori e dei ricercatori ha fatto il liceo classico, non il liceo scientifico.

    5. Credo che creerebbe invece discussioni interessanti, non inutili. Altrimenti sono tutti commenti del tipo “sì, è vero” “come sono d’accordo” ecc. Non serve questo.

    6. Mi dispiace per la tua prof delle medie. Io trovo che scrivi bene (salvo gli apostrofi, mannaggia). E ora come vai nei temi?

  19. Pandoro Says:

    3. A questo punto non so più che dire.

    5. Si, ma quello che dico io non rispecchia quello che dicono quelle persone, e se dico una cosa che per me sembra buona ma a loro sembra cattiva, di sicuro non gli faccio cambiare idea. Lo ritengo uno spreco di parole, frase dura, però farò come mi consigli. Dopo ci passo.

    6. 5/6 più 5.
    Nessuno mi capisce

    (fisica? Newton etc.?)

  20. Artemisia Says:

    Dai, non ti scoraggiare! Mio figlio va peggio a italiano.

  21. Pandoro Says:

    Strano, con una madre come te!

  22. Politica 2 « Pandoro Blog Says:

    […] Politica 2 Questo articolo è un seguito del precedente articolo che trovate qui: Politica. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: